martedì 28 aprile 2009

Il motore dei romanzi


"Ma nessun romanzo sopravvive solo in forza di un'idea o di un bello stile o di una scrittura, come tanti scrittori e critici di letteratura moderna, a quanto pare, credono sinceramente...Ciò che l'aspirante scrittore di narrativa "seria"(il quale relegherebbe intreccio e storia in fondo a una lunga lista di valori, aperta dal bel dire e da quel levigato fluire della lingua che la maggioranza degli assistenti nei corsi universitari di scrittura creativa erroneamente identifica con lo stile) sembra dimenticare è che i romanzi sono motori, proprio come le automobili sono motori; una Rolls Royce senza un motore potrebbe essere benissimo il vaso di begonie più lussuoso del mondo, e un romanzo in cui non c'è storia diventa niente più che una curiosità, un esile gioco mentale".
Stephen King da Danse Macabre

2 commenti:

marcofreccero ha detto...

"nessun romanzo sopravvive solo in forza di un'idea": credo che King abbia colpito nel segno. Ho impiegato troppo tempo a capirlo, però è esatto.
C'è poco da fare: è un geniaccio.

luigi ha detto...

Condivido.
Grazie della visita.
luigi