domenica 21 aprile 2019

Fallire la propria vita



Fallire la propria vita significa accedere alla poesia – 
senza il supporto del talento.

E. M. Cioran



sabato 20 aprile 2019

"Ma è a due passi da lei", di Luigi Salerno



La  mia pièce teatrale in due atti "Ma è a due passi da lei", è annunciata nella Collezione di Teatro della casa editrice Oèdipus. È un lavoro che reputo fondamentale per l'interesse di una fase delicata della mia ricerca, ancora attiva, in cui ho cercato di sperimentare diversi moduli ed effetti stilistici, sia sui tempi che sul tipo di articolazione e interazione tra le parti in gioco, attraverso una tematica che mette in luce alcuni aspetti legati al mistero del talento e dei processi oscuri della creatività, come al confine sottile tra popolarità e riconoscimento, riuscita e messaggio ideologico-artistico di un'opera, nei suoi molteplici limiti e azzardi comunicativi.
Il tutto è incentrato sul costante paradosso dei dialoghi e delle situazioni, ma nello stesso tempo su di una contaminazione tra l'approccio formale alla commedia e la provocazione sottile con cui il personaggio si fa beffa e diventa incosciamente oggetto di beffa della stessa problematica estetica dell'opera di cui si fa carico, e di cui è già parte lesa e in causa in ogni crasi del suo mentre.
La confessione di una poetica esasperante dell'impossibile, sulla quale annientare e restaurare i propri modelli e intuiti più seduttivi e immaginifici, per la ricerca  di una voce incontaminata ma insieme coerente e classificabile, che riesca appena a nutrire, prima ancora di essere divorata dalle fauci nere del suo tempo.

l.s.





lunedì 11 marzo 2019

Voci di scrittori: Luigi Salerno





Da oggi l'intervista sul mio romanzo "Il vincolo cieco", che apre la rubrica Voci di scrittori dalle Cronache letterarie di Ferrari Editore.




domenica 10 marzo 2019

Scrivere la scrittura

Un bellissimo articolo di Francesco Correggia. Scrivere la scrittura.


sabato 9 marzo 2019

La libertà senza limiti


"Il più grande servigio che si possa rendere a un autore è impedirgli di lavorare per un certo tempo. Sarebbero necessarie tirannie di breve durata, che servissero a sospendere qualsiasi attività intellettuale. La libertà di espressione senza interruzione alcuna espone i talenti a un rischio mortale, li costringe a prodigarsi oltre le loro risorse e impedisce loro di accumulare sensazioni ed esperienze. La libertà senza limiti è un attentato contro lo spirito".

E.M. Cioran


domenica 3 marzo 2019

Le finestre buie



Le finestre buie costituiscono spesso 
un'evidenza molto chiara.

Stanislaw J. Lec




sabato 2 marzo 2019

Nei momenti di maggiore crisi


Nei momenti di maggiore – o anche di migliore – crisi, quando cerco di identificare tra gli appunti sparsi di vari periodi della mia ricerca quel certo filo conduttore, quel capo appena umido con cui riprendere un certo discorso, mi accorgo che non è solo difficile fare qualcosa di valido, che sia quanto meno dignitoso, se non coerente o ancora accettabile, ma soprattutto qualcosa che mi appartenga in profondità e che mi racconti nella mia possibile o auspicabile unicità, al di là del suo valore e della sua possibile resa.  
La ricerca di una propria voce, e poi solo più avanti del suo eventuale valore, credo che sia l'impresa più ardua per un percorso artistico serio, anche perché potrebbe portare alla consapevolezza, se si è davvero onesti con se stessi, che una voce propria la si potrebbe anche non possedere, accorgendosi di aver perseguito o forse ostentato, nel tempo, soltanto il surrogato di altre voci o traiettorie stilistiche che si sono molto amate e interiorizzate, a tal punto da confonderle con qualcosa di intimo e personale o forse di artistico. 
La ricerca fondamentale dovrebbe puntare a questi elementi, ma anche nel dubbio di un processo creativo o pseudo-artistico illusorio, e quindi fallimentare per la propria interiorità, andrebbe comunque perseguita, a tutti i costi. Anche lo scoprire di non avere una propria voce, – come quella particolare qualità misteriosa e naturale che si dice talento – attraverso una ricerca  ispirata di un'intera vita, avrà avuto comunque un senso, se perseguita in modo autentico e personale. La fissità luminosa nella certezza e nell'illusione di un valore, è molto meno stabile di qualsiasi moto, anche se questo è proiettato nei palazzi e nelle rovine della propria oscurità.